5 consigli poco scontati per avviare un e-commerce di successo

Quando si decide di aprire un negozio online, le prime cose a cui si pensa sono la scelta della merce e il design del sito web. Tuttavia, ci sono degli accorgimenti che spesso passano in secondo piano quando si decide di procedere all’apertura di uno store virtuale, ma che possono certamente fare la differenza quando si parla del successo o dell’insuccesso di un business. Quali sono? Ecco una lista di consigli per avviare un e-commerce di successo.

avviare un e-commerce

1.Consapevolezza, chiarezza d’intenti e un valido aiuto

Quello online è un mondo che offre una miriade di possibilità ed opportunità di vario genere, che però può creare confusione. Pertanto, quando si decide di aprire un’attività è essenziale conoscere il web, avere chiari i propri obiettivi e non focalizzarsi contemporaneamente su troppe attività differenti, soprattutto all’inizio. Quest’ultimo, in particolare, può rivelarsi un errore madornale per una start up. Proprio per questo, è sempre consigliabile affidarsi a esperti nel settore, ovvero a valide web agency, come ad esempio Innovando.

2.Le domande giuste per prendere le decisioni giuste

Oltre a questo, è utile considerare che quando si decide di aprire un e-commerce di successo è fondamentale chiedersi:

  • “Quale tipologia di prodotti ho intenzione di vendere? Perché?”,
  • “Su quale nicchia di mercato ho deciso di focalizzarmi?”,
  • “Qual è il core message del mio business?”,
  • “Perché i clienti dovrebbero rivolgersi a me anziché alla mia concorrenza?”.

Una volta trovate le risposte a queste domande, la direzione da prendere sarà più chiara e sarà più semplice prendere decisioni sostenibili per il proprio business. Avere grandi progetti è bello ma, quando si parla di affari, è essenziale che i propri sogni, ambizioni e progetti possano essere trasformati in un modello di business sostenibile… Cosa si intende per modello di business sostenibile? Un piano di business che consenta di generare ricavi superiori ai costi nel medio-lungo termine.

3.In seguito, sarà necessario creare un team di qualità e affidabile

Aprire un e-commerce di successo è un’attività dalle mille sfaccettature, che richiede lo svolgimento di numerose operazioni: dalla creazione e la gestione del sito web, alle campagne di marketing sui motori di ricerca e social media, passando per i contatti con i fornitori e il rapporto con la clientela. Prendendo quindi in considerazione tutti gli aspetti da gestire quando si vuole aprire un’attività online, è evidente che tutto questo lavoro non può essere svolto da una sola persona. Perciò, per garantire la buona riuscita di uno store online, sarà opportuno avvalersi di un team di collaboratori competenti, professionali ed affidabili, che aiutino a svolgere tutte quelle mansioni che, per motivi di tempo o di competenza, non è possibile svolgere autonomamente.

4.E poi, mettiamoci nei panni dei clienti!

Quando si sceglie di buttarsi a capo fitto in un’attività online, la prima cosa a cui si pensa è il profitto: più grande è, meglio è. Effettivamente operare sul web offre infinite possibilità e permette di raggiungere una clientela molto più vasta rispetto a quella che si potrebbe raggiungere attraverso un negozio tradizionale che opera in un territorio circoscritto. Tuttavia, bisogna fare attenzione a non focalizzarsi troppo sul profitto: se si vuole creare un e-commerce di successo e cercare di avviare un business che funzioni, bisogno riuscire a mettersi nei panni dei clienti, capire i loro bisogni e rispondere alle loro esigenze. Focalizzarsi sulla user-experience (esperienza di navigazione dell’utente) è quindi uno dei must da non sottovalutare quando si parla di aprire un negozio online. Ecco alcuni fattori su cui è essenziale focalizzarsi:

  • Il sito web deve essere agibile (anche agli utenti meno esperti), facile e veloce da usare, in modo da rendere l’esperienza di shopping più gradevole possibile;
  • Il linguaggio utilizzato deve essere adatto al tipo di clientela al quale si decide di rivolgersi;
  • La selezione dei prodotti deve essere accurata in base al tipo di clientela;
  • Il sito deve essere fruibile da tutti i dispositivi, anche da smartphone.

5.Il monitoraggio fa la differenza

Sbagliando s’impara, ma anche osservando i progressi e i traguardi raggiunti possiamo imparare cosa funziona di più, su cosa dobbiamo puntare e come dobbiamo agire. Il monitoraggio dei risultati è fondamentale ed è ciò che può aiutarci a migliorare un e-commerce, ma anche un blog o un sito aziendale, giorno dopo giorno. Provare per credere!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *