Conoscete l’avocado? È un super-frutto da non sottovalutare!

Lo conosciamo tutti come avocado e il suo nome deriva da ahuacatl, un termine proveniente dall’antica lingua degli Aztechi. Questi ultimi, così come le altre popolazioni native della zona, adoravano questo frutto e lo coltivavano ancor prima della scoperta dell’America. Anche i conquistadores rimasero colpiti dal sapore dell’alimento… Da quel momento, pian piano arrivò fino a noi e all’epoca attuale, durante la quale ci prepariamo tante delizie e dolci semplici e freschi.

avocado

Le proprietà dell’avocado

Con questo alimento dall’incredibile sapore, possiamo avvalerci di un buon apporto di potassio e calcio, di fibre e grassi monoinsaturi. Questi ultimi sono ottimi contro il diabete e capaci di promuovere la salute dell’apparato cardiovascolare. Infatti, assaporando questo super-frutto possiamo ridurre i livelli di colesterolo LDL presenti nel sangue e tenere sotto controllo la pressione arteriosa, nonché garantirci un’interessante dose di vitamine A, B1, B2, D, E, K, H e PP.

Secondo i nutrizionisti, abbiamo a disposizione un frutto particolarmente adatto ai bambini, in quanto è l’ideale per favorire la crescita e il benessere generale dell’organismo. L’avocado vanta inoltre notevoli proprietà digestive, antinevritiche, astringenti, energetiche e ricostituenti, e potrà donare tanti benefici al nostro corpo, ogni volta che lo consumiamo.

Nonostante questo… occhio alle porzioni e alla corretta maturazione!

Si tratta di un frutto decisamente calorico. Pertanto, non dobbiamo bandirlo dalla nostra dieta: dovremo consumarlo quando possiamo, ma con moderazione. Questo delizioso snack è persino un alleato del sistema nervoso, del colon, del fegato, dell’epidermide e dei capelli… Perciò, possiamo dire che è arrivato il momento di considerarlo un po’ più spesso e di avvalerci al più presto di tutti questi benefici, non siete d’accordo?

Ricordate che l’avocado dovrà essere morbido e maturo per proporvi un sensazionale sapore. Se così non fosse, potrete aspettare 3-5 giorni prima di consumarlo. Per velocizzare la maturazione, potrete anche chiuderlo in un sacchetto di carta e conservarlo a temperatura ambiente. E se fosse già maturo? Ovviamente, consumatelo al più presto!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *