Il Marocco: Un territorio immerso nel deserto…

Oggi vi parlerò del Marocco, un territorio a parer mio bellissimo e affascinante…

Fu abitato fin dal 8000 A.C., nel Neolitico da popolazioni Berbere, popoli indigeni che si dedicavano all’agricoltura e alla pastorizia in un territorio con più verde, acqua e pochissimo deserto, molto diverso da com’è attualmente. Nel XII secolo A.C., i Fenici, un popolo di mercanti e navigatori, conquistarono il Marocco. Edificarono dei porti e introdussero la lavorazione del ferro.

Nel IV secolo A.C. i Cartaginesi chiamarono il Marocco Mauritania o “paese dei Mori”, e lo divisero in 3 parti:

-Mauritania Tingitana

-Getulia

-Numidia

Nel 42 D.C. diventò una Provincia Romana e vennero costruite opere sia urbane che civili, fino ad allora sconosciute da quelle parti: strade, monumenti, fogne, case… E si sviluppò l’agricoltura e il commercio.

Marocco

Dopo la caduta di Roma, nel 788, la Storia del Marocco cambiò per sempre… Nel 917 prese il potere la Dinastia Sciita dei Fatimidi con Idriss I che importò e diffuse l’Islam, e Fes divenne una delle città più importanti del Nord Africa.

Nel corso dei secoli ci furono varie dinastie Islamiche e si susseguono in:

–  Gli Almoravidi, dei guerrieri religiosi che conquistano parte del Nord Africa e del Sahara Occidentale;

– Gli Almohadi che erano pacifici, con una politica lungimirante a favore delle arti, delle scienze e della letteratura;

– I Merindi, la dinastia che ha fatto tante grandi e piccole opere di costruzione in Marocco;

–  I Wattasidi, durante questa dinastia iniziarono tante lotte interne, crisi e conquiste Europee;

–  I Sa’aditiz, questa dinastia iniziò la Guerra Santa contro le conquiste Spagnole e Francesi;

–  I Alawiti, la dinastia che dal 1660 è ancora quella attuale.

La Storia del Marocco diventò un Protettorato Spagnolo a Nord, Francese da Rabat in giù, con Tangeri dichiarata una città neutrale e internazionale.

Dopo la 2° Guerra Mondiale

Finita la 2° Guerra Mondiale iniziò la lotta per l’indipendenza, con i primi movimenti di liberazione nazionale, e con rivolte e repressioni. Così nacque il Nazionalismo Marocchino.

Nel 1956, il Marocco dichiarò e ottenne la sua Indipendenza: fu uno dei primi paesi mondiali a uscire dall’egemonia colonialista, con a capo Hassan II dal 1956 al 1999.

Hassan II decise di attuare una politica molto neutrale ed Europeista, e fu il secondo stato dopo l’Egitto a riconoscere ufficialmente la nascita dello Stato Ebraico.

Dobbiamo anche sapere che…

La politica di Hassan II ha due facce:

– positiva: con il miglioramento della vita, del commercio, dell’agricoltura, del turismo e dell’industria;

-negativa: con una politica di forza, repressioni, guerre contro Paesi confinanti (ad esempio l’Algeria) e con una forte identità nazionale.

STORIA DEL MAROCCO OGGI

Oggi il Regno del Marocco è un paese Berbero – Arabo, con Rabat come capitale e con 33 milioni di abitanti. È una nazione Islamica – Laica, in cui c’è una monarchia costituzionale, sociale e democratica con la costituzione voluta ed effettuata da Hassan II nel 1962, in cui il sovrano è il capo religioso, politico e militare con pieni poteri esecutivi.

Nel 1999, salì al potere il figlio Mohamed VI, che iniziò pian piano a dissociarsi dalla politica Filo- Occidentale dopo l’intervento americano in Iraq, senza mai però negarla o andargli contro.

Oggi, con le guerre e i colpi di stato che hanno devastato il Nord Africa, il Marocco è rimasto sempre un paese più o meno stabile, dove il turismo è forte, l’industria procede per la sua strada e l’istruzione è obbligatoria fino ai 13 anni, con un tasso di analfabetismo in forte calo e ora al 28%.

 

Oggi è tutto qui a “L’Africa: un Mondo Inesplorato”!

Ci sentiremo la prossima volta,

per riscoprire ogni pezzo di terra

che ha dato nascita alla Storia dell’Africa…

Chiara, 13 anni

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *