I vulcani più spaventosi (e spettacolari) del mondo!

Il vulcano: arcaico timore sin dalla preistoria, ma anche primaria fonte di scoperta dell’uomo, donandogli, già durante il paleolitico, la possibilità di scoprire il fuoco o usufruire di fonti d’acqua calda, le prime terme della preistoria. Tutt’oggi, queste straordinarie e speciali montagne richiamano numerosi viaggiatori, ma quali sono i vulcani più spaventosi?

Molte persone sono letteralmente amanti del rischio e provano sempre più spesso ad avvicinarsi a questi potenti ‘coni’ di fuoco, lava e lapilli, gas e tuoni del sottosuolo. In questo settore, si è aperto un vero e proprio turismo errante e ci sono numerose agenzie dedicate, le quali organizzano tour presso vulcani in eruzione o parzialmente quiescenti, per viaggiatori con l’intento di ammirare, fotografare, riprendere fenomeni forse tra i più potenti della terra, assieme a tifoni e tsunami.

La Natura imprevedibile si mostra in tutta la sua potenza: le montagne di fuoco esplodono con roboante e quasi divino canto il proprio magma, con tonalità di rossi e arancione degni di una tavolozza di alto livello. L’Italia, in questo settore turistico, si pone come una delle mete più attraenti al mondo: Etna e Vesuvio richiamano ogni anno migliaia di visitatori. Ma il più amato è il Vesuvio, perché quiescente ma non spento, con le sua antiche vestigia di Ercolano e Pompei, dei Campi Flegrei e delle solfatare… che offrono panorami di incredibile fascino. Ma il siculo Etna non è affatto da meno per spettacolarità e, periodicamente, il suo show diviene notizia e attrazione: mai spento, mai domato.

vulcani più spaventosi

Etna

 

Vesuvio

Vesuvio

 

Pompei

Pompei

 

Anche alle isole Canarie abbiamo tanto da vedere. Infatti, il maestoso Teide, è uno dei vulcani più spaventosi che, ogni anno, riesce a richiamare i turisti di mezzo mondo: è il terzo vulcano più alto al mondo con i suoi 3718 metri sul livello del mare e offre anch’esso panorami da non perdere.

Teide

In questa speciale classifica, possiamo incontrare anche i monti Bromo e Semeru in Indonesia, un arcipelago, tra l’altro, recentemente sull’onda delle cronache per l’eruzione violenta di un altro vulcano presente nel cuore della splendida Giava, ovvero il Sileri. Su questi monti le divinità di un induismo pre-islamico dell’Indonesia, miti e leggende di una terra di leggenda sono decisamente i protagonisti.

Nell’arcipelago vulcanico delle Filippine, il Pinatubo, nel 1991, è stato il fulcro di una calamità eruttiva, registrata tra le maggiori della storia contemporanea. D’altra parte, anche il Monte Fuji giapponese, al centro della religiosità shintoista locale, resta innevato per grande parte dell’anno e si presenta come uno dei simboli della Terra e delle leggende del Pianeta.

Pinatubo

Pinatubo

 

Monte Fuji

Monte Fuji

 

Hawaii da sogno anche grazie al Mauna Loa, vulcano che nasce nelle profondità oceaniche, incredibile per gli aspetti naturalistici di una giungla rigogliosa alle pendici, mentre il Vulcano Arenal in Costa Rica è ritenuto inattivo da quasi mezzo millennio, anche se fu il protagonista di un’eruzione spettacolare nel 1968 e tuttora è fonte di richiamo per migliaia di turisti in viaggio in questo splendido paese centro-americano…

Mauna Loa

Mauna Loa

 

Vulcano Arenal

Vulcano Arenal

 

Nel fanalino di coda, ma non per importanza (solo per cronaca), troviamo un vulcano di altrettanto fascino: il Popocatèpetl messicano, tutt’oggi attivo e minaccia nella regione di Puebla, a poco meno di 100 chilometri da Città del Messico. Come altri monti tuonanti, anche il Popocatèpetl ha in se un cuore mistico e per gli indios era la ‘montagna che emette vapore’

Popocatèpetl

Zaino in spalla quindi e occhio al tuono: non sempre è causato da una nuvola… Sono tantissimi i vulcani più spaventosi al mondo e in grado di farci rimanere in ogni caso a bocca aperta!