Trasformare le cattive abitudini… in buone abitudini

Anche quando si tratta di abitudini, tutto parte dalla nostra mente e dalle nostre convinzioni, e questo vale per qualsiasi cosa. Trasformare le cattive abitudini in buone, significa infatti riuscire a elaborare nuovi schemi mentali per vivere meglio con noi stessi e con gli altri.

abitudini

Prendiamo pessime abitudini, perché sono più comode e perché spesso ci danno sicurezze in più. Tuttavia sappiamo che sono sbagliate ma possiamo anche avere un po’ paura nel cambiarle, o pensare che non sia possibile. Ma per vivere meglio bisogna fare anche un po’ di sforzi… di cui poi sicuramente non ce ne pentiremo.

Qualunque sia la cattiva abitudine che vogliamo cambiare, il metodo per farlo è lo stesso e parte dal nostro cervello. La prima cosa che dovremo fare è quindi pensare e convincerci che non trasformando questo “vizio” e non sostituendolo con una buona abitudine, non potremo goderci la vita come vorremo davvero.

Tuttavia, per ogni abitudine, il cambiamento è un nemico: ci implica di uscire dalla nostra zona di comfort dove ci sentiamo protetti e sicuri. Una volta là fuori cosa accadrà? È proprio per evitare questo che dovremo convincerci e darci delle ragioni valide per le quali la nostra vita, senza quella qualsiasi cattiva abitudine sarà migliore.

A questo punto dovrai renderti conto di quanta automaticità hai nei confronti di questa abitudine:

E’ un qualcosa che fai senza neanche pensarci?

Dopo cosa la fai?

Ad esempio, una persona che fuma, sa che lo fa maggiormente in determinati momenti… dopo il caffè, per ansia, per una discussione, per lo stress… Da queste cose può capire come uscire da questo circolo e come eliminare questa cattiva abitudine: cioè, nel caso del fumatore, è partendo dal gestire le azioni o i fattori che precedono il fumare. Questo è importante per riuscire a diminuire, fino anche a smettere. A questo punto, il passo da fare è quello di darsi una ricompensa per i miglioramenti raggiunti. (Che ovviamente non dovrà essere controproducente: se fumi non potrà essere una sigaretta, se stai cercando di mangiare meglio non potrà essere un dolce.)

Quindi i passi fondamentali per cambiare una cattiva abitudine e farla diventare una buona sono:

  1. Avere la convinzione che il non averla più potrà farti davvero bene.
  2. Agire sui fattori precedenti, cioè quelli che provocano una determinata cattiva abitudine.
  3. Ricompensare se stessi.

Agendo in questo modo, una persona inizia gradualmente ad abituarsi alla nuova e buona abitudine. La raccomandazione finale è quella di non esagerare con le aspettative (in modo da non enfatizzare la cattiva abitudine in caso di cedimenti iniziali), e di essere davvero convinti che cambiare è quello che vogliamo.

Se non c’è la volontà nessuna abitudine verrà mai “bonificata” completamente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *