Quali sono i mestieri che stressano di più?

Ci sono dei giorni che non piacciono a nessuno, qualunque sia il lavoro da fare (Il lunedì lo amate?). Ci sono poi le giornate “no” che ci portano fino alla sera con una incredibile pesantezza addosso… Ma il problema è che ci sono dei mestieri che stressano molto di più rispetto ad altri. Quali sono? La parola agli esperti!

mestieri-che-stressano-di-piu

 

Ci sono stati alcuni studi e sondaggi specifici che hanno portato i lavoratori a delucidarsi un po’ riguardo il loro pessimo umore a fine serata. Certamente, ogni lavoro può comportare stress… anche se tuttavia, quando uno fa quello che gli piace è un po’ difficile che ci siano delle giornate veramente pessime. Ma a volte sono propri i vari mestieri a farci male… o la nostra opinione riguardo ad essi?

Sicuramente, quelli che prevedono il contatto con il pubblico (telefonisti, camerieri, baristi…), sono dei mestieri che stressano, nonostante la naturale propensione che qualcuno di noi può avere con le pubbliche relazioni. Tuttavia sono quelli che ci portano nervosismo, soprattutto quando devi dare ragione ad un cliente che ragione non ha… e non lo puoi mandare a quel paese! (Cosa che a volte serve per sentirsi meglio!)

Altre mansioni stressanti sono quelle che, al contrario, prevedono la solitudine. Stare da soli, annoia, stressa l’anima e rallenta le lancette dell’orologio. Anche i mestieri che mancano di stimoli, perché ci portano a stare sempre seduti nello stesso posto e/o a fare sempre le solite cose, potrebbero farci impazzire.

Ad ogni modo, secondo gli esperti, ciò che porta un mestiere a stressarci sono le nostre personali condizioni: può anche essere il lavoro che amiamo ma, se le persone intorno a noi sono insopportabili, anche il lavoro può diventare insopportabile. Inoltre, dipende dal nostro carattere, da quanto siamo accomodanti, da quanto ci piace il cambiamento e dalle nostre abitudini.

Tuttavia, in cima alla lista dei mestieri che stressano, c’è più che altro un fattore: i turni. Quelli lunghi e quelli notturni, o serali per i più giovani, possono comportare un elevato livello di stress nelle nostre giornate. Soprattutto perché il nostro corpo e la nostra mente diventano insoddisfatti e non ne vogliono sapere di abituarsi… Tutto questo comporta l’insorgenza di disturbi nel sonno e di un rallentamento del metabolismo.

Anche le grandi responsabilità professionali, possono influenzare negativamente le nostre condizioni fisiche e psicologiche. Lo stesso vale per gli stipendi bassi che non stimolano di certo al forte impegno e neanche all’entusiasmo nel fare il proprio lavoro.

A questo punto, però, mi sembra giusto anche dire chi sono, secondo le statistiche e le ricerche, i lavoratori più felici. Quindi chi è che non è tartassato dai mestieri che stressano…

I numeri parlano di ingegneri, architetti o scienziati… Forse perché guadagnano bene e probabilmente fanno ciò che hanno sempre desiderato di fare? Non si sa con precisione…

Si dice che lo stesso vale per coloro che lavorano con i bambini (e se urlano??), con gli animali ed a contatto con l’ambiente. Anche gli istruttori di fitness dovrebbero essere i più felici secondo le statistiche.

Ma sarà vero tutto questo??

Probabilmente… la risposta è una sola. I lavoratori veramente felici sono quelli che hanno realizzato il loro sogno e lo vivono come proprio mestiere ogni giorno.

Ma un po’ di stress ce l’hanno sicuramente anche loro!

I mestieri che stressano, stressano perché non ci piacciono e ci rendono claustrofobici… è questa la verità. Perché magari, ad un’altra persona, lo stesso lavoro lo fa saltare di gioia!

Che ci si può fare? Il mondo è un puzzle di tante ed uniche soggettività. Lo stesso vale per ogni mestiere. Tuttavia, se ci troviamo intrappolati in un lavoro che non ci rende felici e non abbiamo la possibilità di mollarlo, la soluzione è sempre quella di fare comunque ciò che ci piace almeno nel tempo libero. Le passioni sono sempre quelle che ci salvano dalla monotonia. Non sottovalutatele!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *