I nomi dei prodotti IKEA sono insensati? No, ecco svelata la logica…

Anche se ci fa fare un po’ di fatica per il montaggio, bisogna dire che IKEA piace a tanti e che il suo successo è davvero indescrivibile. Tuttavia, in giro per il mondo, molti si sono chiesti perché i prodotti di questa azienda hanno dei nomi così strani… al punto che alcune testate giornalistiche, come il New Yorker e il Guardian, si sono messe al lavoro per capire se ci fosse una logica dietro alla scelta dei nomi. E in effetti c’è: non si tratta di casualità, ma bensì di un sistema strano e, allo stesso tempo, ben preciso…

images19M1GEFY

Tutto nasce dalle idee del CEO, Ingvar Kamprad, che ha pensato di ideare una strategia linguistica aziendale per poter leggere e memorizzare i nomi dei suoi prodotti. Questa decisione è stata scaturita da una problematica con la quale è costretto a convivere: la dislessia. Tuttavia, da bravo imprenditore, non si è fatto abbattere da questo, ma ha pensato bene di trovare una soluzione molto intelligente, grazie alla quale riesce a leggere, riconoscere e memorizzare la maggior parte dei nomi dei suoi prodotti. Allora, qual è la logica che si nascondere dietro a tutto questo?

Niente lettere o numeri casuali, ma abbinamenti ben precisi. Tutto funziona grazie a un database e un sistema che si suddivide in ben 15 gruppi di prodotti. Qualche esempio? Le sedie e i tavoli, insieme ai divani e alle poltrone, prendono il nome di località svedesi e finlandesi, mentre le librerie vengono nominate secondo i nomi maschili più comuni in Scandinavia e alcuni mestieri. I letti, gli armadi e l’arredamento del soggiorno hanno il nome di alcuni paesi norvegesi, e gli arredi da studio e ufficio vengono invece “battezzati” con i nomi maschili scandinavi.

I tappeti? Questi prendono il nome di località danesi. I mobili da giardino sono isole scandinave… mentre i tessuti e le tende prendono i nomi femminili più comuni in Scandinavia. Gli articoli per i più piccoli hanno per lo più il nome di animali, e gli utensili da cucina hanno il nome di pesci e funghi! E questo è solo l’inizio…

Tuttavia, anche se il database di IKEA serve per nominare ogni singolo prodotto in base a questo sistema, sappiate che ci sono anche alcune eccezioni. Infatti, può capitare che il designer chieda di dare un nome diverso alla propria creazione e spesso sono anche molto improbabili e divertenti… Qualche esempio? La pentola “SENSUELL”… significa “sensuale”, ed “Ekorre” (l’alce a dondolo) significa “scoiattolo”!

ekorre-alce-a-dondolo-rosso__21389_PE106307_S4

Bè, a questo punto, se pensavate che fossero delle parole senza senso, avete la conferma che, eccezioni a parte, dietro il naming dei prodotti IKEA c’è effettivamente una logica ben ponderata, grazie al quale l’ideatore di questa azienda riesce a famigliarizzare con i propri prodotti. Sono stati inventati anche dei giochi a riguardo: “IKEA Game” e “IKEA Dictionary”. Perciò, se ogni tanto avete voglia di un passatempo diverso, provate questi giochi, e divertitevi a pronunciare i nomi dei prodotti IKEA e a indovinare indovinare il loro significato. Questa sfida è stata apprezzata da molti ed è risultata anche molto divertente!

Oltretutto.net Advertising & Guest Post Program